L' architettura, credo sia l’espressione più immediata di una societa’, della sua cultura, civiltà e aspirazioni, seguendo sentieri a volte tortuosi al punto da sembrare interrompersi, difficili da ripercorrere e ricostruire a posteriori, per poi sempre e comunque riemergere in modo intelligibile; partendo dalle origini fino ad arrivare al presente, custodendo in nuce il continuo divenire. L' architettura è o dovrebbe essere arte, sociologia, economia, questione ambientale, politica; Emerge quindi l’importanza di una equilibrata pianificazione dello sviluppo, cosi’ come di una efficace quanto necessaria azione di tutela e valorizzazione di una tanto consistente eredità. Diviene chiaro come il “mestiere” del fare Architettura, non può essere relegato e ridotto ad artistica esercitazione fine a se stessa o peggio ad un settore dell’organizzazione sociale in essere, in quanto ha come scopo stesso del suo esistere una progettualita’ di indirizzo interdisciplinare di quest’ultima e non viceversa. Ecco perché l’Architettura è o dovrebbe essere arte, sociologia, economia, questione ambientale, politica;in una unione di sapere umanistico e scientifico capace di essere espressione dei valori essenziali di un mondo che, prendendo coscienza di tante, troppe, problematiche, pretende necessariamente un futuro diverso e migliore da quello che da decenni l'attuale sistema economico e finanziario impone, pagando dazio sia a scala locale, in forma di degrado sociale, materiale e percettivo, sia a scala globale moltiplicandone gli effetti.

davide ferrari